Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità. - Per conoscere i dettagli sui cookie utilizzati leggi la nostra privacy policy.

No Cina

04/10/2020 16:41 #32942 da roger
No Cina è stato creato da roger
Qualcuno naturalmente si opporrà a quanto sto x scrivere . Penso che aldilà di tutto questa globalizzazione alla fine sia basata come sempre sulla potenza del denaro. Quindi possiamo ancora difendere la nostra cultura e i nostri patrimoni. Moto morini è un patrimonio italiano , e allora prego tutti di non acquistare le moto che verranno sotto la proprietà cinese. È preferibile acquistare un prodotto che sia patrimonio di nazioni che hanno fatto storia in tale settore e ci metto ovviamente i giapponesi e non solo nel settore motociclistico . Non ha senso se ci pensate accettare che qualcuno conquisti tutto solo xché attraverso il sacrificio di milioni di lavoratori senza diritti e con turni di lavoro anche di 15 ore come ha fatto e fa ancora la.cina ha arricchito questa nazione permettendo ai burocrati e ai più potenti di comprare i patrimoni altrui approfittando di una crisi economico sociale mondiale. Fatelo x Alfonso Morini che sicuramente preferirebbe che il marchio sia.fermo piuttosto che venduto senza pensare al futuro. Quel futuro che inizialmente sembra garantito mantenendo la produzione in italia ma così non sarà se continua così.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

04/10/2020 17:16 #32945 da kropot
Risposta da kropot al topic No Cina
Ciao Roger,

Scusa ma non sono d'accordo con te in quanto meglio una fabbrica italiana di proprietà cinese ma aperta che una di proprietà italiana ma chiusa.
La proprietà cinese si sta comportando in maniera molto rispettosa della storia della Moto Morini proprio perché sa che il valore del marchio risiede nell'italianità dello stile se non anche del prodotto.
Sta alla politica imporre regole di mercato uguali per tutti, dalle norme sul lavoro a quello sulla tutela ambientale, e non è colpa dei cinesi se queste cose, fondamentali per le aziende italiane, non interessano un piffero ne ai partiti , di governo o di opposizione, e neppure ai sindacati che quando devono manifestare vanno sempre a Roma e mai una volta in Cina.
Ora cosa dovremmo fare chiudere le poche imprese che lavorano e vivere tutti di reddito di cittadinanza e di lavori in nero? Ricordiamoci che se sappiamo fare ancora qualcosa è grazie alle aziende attive che tramandano il saper fare.
Ciao enrico

350 sport 1974
350 gt 1981
350 k 1982
250 j prima...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

05/10/2020 22:38 #32948 da roger
Risposta da roger al topic No Cina
no non ci siamo. Intanto il reddito di cittadinanza ha dato dignità a tutti quelli che il lavoro lo hanno perso magari a 50 anni e chi li assume più? io sono un uomo del sud e ti posso garantire che chi lavora in nero in Italia non lo fa x piacere ma x necessità , x campare, credimi. Riguardo il nostro discorso certo che la gestione cinese si comporta bene come dici tu è naturale no? Loro entrano piano piano credimi . Non so se hai mai sentito parlare di mafia cinese che in accordo con le mafie locali si compra cash attività e quant'altro , nelle nostre città mi sembra che questo sia sotto gli occhi di tutti. Insomma nessun popolo ha l'armadio senza scheletri ma a me quello che la cina sta facendo nel mondo parlando di business non mi convince , sono tanti lavorano come formiche e giustamente conquistano l'economia mondiale.Se il motto è" in qualsiasi modo con qualsiasi mezzo basta che si produce e si da lavoro " io mi dissocio . Ognuno resta con le proprie idee. Salute.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: giumorinclodomoriniRobino62kropot
Tempo creazione pagina: 0.214 secondi
Powered by Forum Kunena